Autorizzazione O.D.M. concessa

BLEFAROPLASTICA

La regione orbitopalpebrale può essere considerata il centro dell'espressività del volto, immediatamente osservata durante i rapporti interpersonali; per questo eventuali inestetismi sono frequentemente motivo di richiesta di interventi.

Le palpebre sono spesso colpite per prime dal processo di invecchiamento. Capita quindi che soggetti intorno ai 35 -40 anni, con un eccesso di pelle aglio, acquisicano un'aria stanca e non più giovane. La blefaroplastica, che significa "modellamento delle palpebre", è l'intervento che corregge questi inestetismi, ringiovanendo, più di ogni altro intervento di chirurgia estetica del volto, l'aspetto di una persona.
È un intervento quindi molto attraente per i pazienti, anche perchè le cicatrici a livello palpebrale risultano praticamente invisibili. Anche problematiche minori come le occhiaie scure, l'occhio cerchiato, le zampe di gallina, possono essere corrette con la blefaroplastica associata a trattamenti complementari come il peeling chimico o il laster.

COME

Si può intervenire sulla palpebra superiore o su quella inferiore, cosi come su entrambe, Le tecniche di blefaroplastica, se efffettuate singolarmente e non nell'ambito di un trattamento più complesso di ringiovanimento del volto, possono essere eseguite in regime di Day Hospital.

QUANDO

A qualsiasi età se esistono le indicazioni (pelle in eccesso, borse, occhi "gonfi", palpebra indebolita).

PERCHÈ

L'effetto di ringiovanimento, ottenuto con la blefaroplastica è notevole e, dato che migliora l'espressività dello squardo, si ripercuote positivamente anche sul resto del viso. I risultati, inoltre, sono stabili e definitivi per molti anni.

È possibile perfino fare gli occhi simili - orientali. Come? Durante l'intervento della palpebra superiore, il chirurgo può tirare "in su" la parte finale della palpebra, fissandola al periostio, struttura molto rigida e resistente all'osso frontale.